Ristorante

RISTORANTE POVERO PESCE

 Lungomare Paolo Toscanelli, 120/122 - 00121 Roma - Ostia Lido (RM)

12345 45 Voti -  48 Recensioni - Prezzo medio 26

 Le promozioni del ristorante

 Il Tuo voto per Ristorante Povero Pesce

Dai il tuo voto al ristorante oppure, se vuoi, puoi scrivere una recensione completa, gli altri utenti lo apprezzeranno sicuramente.

54321

48 Recensioni per Ristorante Povero Pesce

Finalmente un locale dove si mangia bene e ad un prezzo onesto ! Il nome potrebbe trarre in equivoco, povero pesce non vuol dire pesce senza valore... al contrario la loro cucina valorizza il pesce di questa zona che viene trattato con sapienza. io sono stato questo lunedì sera, e hanno fatto venire uno chef apposta per quella che chiamano "serata degustazione" e con 39 euro mi sono riempito e ho mangiato cose buonissime... ve lo consiglio :) :)

Visitato a Aprile 2014

Un buon indirizzo per chi apprezza il pesce azzurro.
Buono il tortino di melanzane con le alici, discreto il pesce stella al forno.
Modesto il vino della casa .
Prezzi nella media.

Visitato a Agosto 2013

Il ristorante povero pesce si è trasferito ad ostia lido di fronte al pontile, mantenendo intatte tutte le sue caratteristiche.
Il nuovo indirizzo è Lungomare Paolo Toscanelli 120 tel 06 64211205.
MANGIA seriaMENTE www.poveropesce.com

Visitato a Giugno 2012

Buona cucina, non è facile con pesce povero, anche se forse qualche salsetta originale in piu' non guasterebbe. Personale non troppo amichevole, ma non sgarbato... Diciamo un po' sulle sue. Bagno unico ma pulitissimo. Conto nella media.

Visitato a Aprile 2013

Beh...premetto che ci sono stato con un coupon seppure zeppo di piatti dall'antipasto in poi...però...però...Innanzitutto, il banconiere che accoglie la clientela, poco incline alla discrezione, (chiedo cortesemente di saltare cruditè per mia moglie, in quanto in gravidanza e questi si rivolge verso la cucina gridando "per quel menù evita i crudi che la signora è incintaaaaa", dal mezzo della sala, tant'è che all'uscita ho ricevuto gli auguri anche dagli abitanti del condominio di fronte, ma sarebbe il meno..) abbastanza sgarbato (ma in genere con tutti) e decisamente, diciamo, non "del ruolo"....comunque, piatti in parte decenti, in parte abbastanza scadenti, quando non "al limite", perchè percepito profumi non precisamente garbati, da pesce fresco...tant'è che la serata è finita con disagio gastrico evidente. Personalmente non credo che replicherò la prova, giudicando sostanzialmente locale, servizio e conto non particolarmente ammissibili. E non aggiungo altro.

Visitato a Ottobre 2012

Ultimamente questo ristorante ha ricevuto una pioggia di commenti un pò sospetta, secondo me, tutti da utenti da 1 solo messaggio.
Comunque, ci sono stato (spinto proprio dai suddetti) l'altra sera con un paio di amici.
Che dire, ristorante buonino, non è facile far ingolosire i commensali con del Pesce Povero (ci sarà pur un motivo se in generale si preferisce un'orata o una spigola...) ma l'iniziativa è comunque lodevole e va supportata.
Misto di antipasti buono, poco variegato probabilmente (difetto generale della serata) ma piacevole, peccato solo che avessero terminato le Cozze.
Capitolo primi. Ho personalmente preso una buona pecorino cozze e vongole, giusta al dente e ben saporita. Ai miei amici invece è andata davvero male con quella che sarebbe dovuta essere una loro specialità, ovvero pasta con sugo di mare: letteralmente cruda, letteralmente senza sale - tanto da doverlo aggiungere a parte dopo - e non particolarmente saporita.
Per secondo ci siamo fatti consigliare un Pesce Azzurro, bello grande e sicuramente fresco. Cucinato bene, ben speziato e saporito. L'unico limite (ma andiamo a gusti) è che il tipo di pesce in sè tende a nauseare troppo resto (per questo preferisco Spigole o Orate). A chi piace però è davvero consigliato.
Capitolo dolci: abbiamo preso solo il tiramisù e non era affatto buono, mi spiace. Sembrava di mangiare un creme caramel, proprio non ci siamo.
Il conto è stato onesto, 33€ a testa (considerando un paio di vini, caffè, grappe...) ci si può stare e loro in generale curano molto questo aspetto (l'acqua costa poco seppur filtrata, il pane non te lo fanno pagare ecc ecc.).

Ci ritornerei? Personalmente no!
Lo consiglierei? Agli amanti del pesce azzurro sì, agli altri a loro la scelta.

Visitato a Agosto 2012

Serata perfetta, tutto molto molto buono e di mio gradimento. Si mangiano prodotti a km 0 cucinati semplicemente e direi anche sapientemente. Ambiente informale ed assai gradevole. Diverso dal solito e sicuramente da provare. Solo pesce azzurro (con qualche eccezione per vongole etc.). Prezzi molto contenuti

Visitato a Agosto 2012

Ottima cena nel cortile esterno a base di tortino di alici e crostini con un pesce di cui non ricordo. linguine cozze e pannocchie, gallinella all'acquapazza, patate al forno e melanzane al vapore. Pesce rigorosamente pescato. Consigliatissimo

Visitato a Agosto 2012

Bellissima iniziativa con elevata qualità dei prodotti e una cucina semplice ma gustosa. Eccezionali i primi ed ottimo il pesce azzurro. Da provare sicuramente

Visitato a Agosto 2012

Veramente ottimo, antipasti primi secondi dolce e vino. Ho preso un soutè di cozze e tortino alici, mezze maniche gallinella e limone, filetto azzurro con patate al forno, pesce con il vino e torta di pane. Tutto assolutamente squisito con una particolare nota di eccellenza per le mezze maniche con la gallinella. Consigliatissimo

Visitato a Agosto 2012

Ci sono tornato ed ormai sono un cliente fisso. Ottimi gli antipasti, i primi i secondi i contorni il vino i dolci e la competenza del servizio, sempre attento e mai invadente. Apprezzo molto anche la veranda esterna nella quale si può mangiare all'aperto senza i problemi del traffico

Visitato a Agosto 2012

consiglio a tutti questo ristorante originale nel menû e dall atmosfera molto accogliente. Ottimi primi e secondi preparati con prodotti sicuramente di qualitá..dolci originali e vino della casa assolutamente da provare..complimenti per l idea..povero pesce secondo me è l ideale per mangiare buono e sano..e poi si mangia anche nella parte esterna senza un via vai continuo di macchine..bravi!!

Visitato a Agosto 2012

Adoro il pesce, adoro mangiare e bere ed adoro questo ristorante

Visitato a Luglio 2012

Idea geniale e ottimo cibo. I primi sono semplicemente meravigliosi, preparati con una pasta di eccellente qualità e molta fantasia. La posizione non è delle migliori, ma proprio grazie a questo si può mangiare in tutta tranquillità anche all'aperto. Molto buono il vino della casa. Da provare sicuramente. Prezzi contenuti

Visitato a Agosto 2012

Abbiamo mangiato piatti di prima qualità, si percepiva la freschezza del pesce sia nell'antipasto crudo che nei primi. Due pecche:
1. Nel menù fisso consigliato, non abbiamo potuto scegliere alcun primo;
2. €25 a persona per l'antipasto, 2 primi un po ristretti, e la porzione di dolce (meno di 1 assaggio a persona) è un po troppo.

"Povero pesce" e' situato in una traversa di una strada principale di Isola sacra. Locale ben tenuto, pulito, con un ampio spazio esterno disponibile. Seguono un menu attinente alla stagionalita' dei prodotti e al pesce reperibile nei nostri mari;gradevole il servizio. Ottimo il misto di crudi, cosi come i primi; consiglio il vino biologico della casa. Originali i dolci, anch'essi improntati a prodotti locali. Prezzo molto misurato per la qualita' proposta. Ottimo.

Visitato a Marzo 2012

Beh: che dire. Ci sono stato tre volte in un mese e non mi posso lamentare. Certo il pesce cosdditto "povero" ha un suo gusto particolare, soprattutto il pesce azzurro. Il problema è se piacciono o meno certi sapori ma il tutto del ristorante mi sembra buono. Credo che ci tornerò ancora anche perchè un mio amico che ci ha fatto compagnia una volta è rimasto ben impressionato dicendo che certi sapori gli ricordavano la giovinezza (non siamo più ragazzini e quando si parla di giovinezza si parla di tempi duri quando le mamme cercavano di spendere il meno possibile!). Non mi pronuncio sul prezzo perchè ogni cosa va pagata il giusto e qui ci siamo

Visitato a Ottobre 2011

Ristorantino su una strada di isola sacra, serve il navigatore. Ambiente semplice, informale, menu basato sul pesce azzurro locale. Assaggiati primi e dolci, buoni. Positiva l'ispirazione ambientalista e il menu con la tabella nutrizionale riferita ai piatti. Niente costi di pane e coperto, conto senza sorprese.

Visitato a Luglio 2011

Premetto di condividere la filosofia di fondo del ristorante, l'idea dei prodotti a km zero, l'attenzione alla cucina sana, la valorizzazione del pesce azzurro, l'ecosostenibilità etc. Ma tutte queste ottime intenzioni devono essere poi sostenute dalla presentazione di piatti appetitosi e ben cucinati, altrimenti rischiano di diventare un pericoloso boomerang, e di allontanare quanti si avvicinano curiosi al pesce povero. La mia esperienza in questo ristorante è stata negativa; siamo andati un sabato sera in quattro, ordinando: quattro antipasti (crostino duro, alicette con aceto balsamico buone, involtino di alice e tortino di melanzane), impepata di cozze (niente di che), tre primi (le fettuccine pecorino cozze e vongole sono veramente insipide, praticamente in bianco, e infatti sono rimaste nel piatto), due secondi e una zuppa, vino della casa ed acqua. 25 euro a persona. Ci siamo alzati da tavola tristi. Non ci torneremo, ma speriamo che con l'esperienza migliori anche la cucina, perchè l'idea rimane buona.

Visitato a Settembre 2011

Deludentissima esperienza.
Visti alcuni commenti precedenti, alcuni qualificatissimi (IAIA), posso solo pensare ad un clamoroso cambio di gestione in cucina.
Salvata doverosamente la gentilezza del personale, devo dire che il locale è arredato con spartano stile marinaro, ma la nostra sistemazione era davvero provvisoria pur avendo prenotato con notevole anticipo.
Chiediamo antipasti misti, arrivano tre vassoietti ( siamo in nove !! ) , porzioni “omeopatiche”, tutto rinseccolito e con la chiara impressione di cibo precotto riscaldato al microonde.
Le fettuccine, insipide e decisamente di produzione industriale di basso livello, con le vongole che, nel rispetto dell’idea pesce a km0 , sono venute nel piatto da sole tanto erano piene di sabbia.Molte, schifate di loro stesse, se ne erano già andate lasciando solo il guscio.
Alcuni eroi della tavolata hanno voluto provare anche i secondi e quindi sono stati puniti da una palamite alla piastra, secca come uno stocco, che per diventare commestibile si è dovuta oleare fino alla nausea.
Ad inasprire la pena le cozze, rinseccolite e dall’aspetto antico, e l’ombrina , anonima e anoressica.
Tiramisù decente ma solo per tre fortunati , finite le porzioni.
Curioso anche questo aspetto: pur avendo prenotato per nove persone , il cameriere nell’elencare il menù evidenziava il numero massimo di pietanze disponibili per ciascun piatto. Era per cui impossibile, ad esempio, fare un ordine uguale per tutti, e questo la dice lunga sulla organizzazione del locale e sulla aspettativa di durata dello stesso.
Sono giovani e gli faccio comunque i migliori auguri ma devono assolutamente cambiare registro.
Molto male. 30 euro a persona immeritati

Visitato a Settembre 2011

devo essere sincero, l'unica volta che ci sono stato non ho mangiato bene, il fatto che fossimo solo noi due in sala doveva essere un presagio...intendiamoci non che il cibo fosse cattivo o avariato, ma ho ho riscontrato una totale assenza di legame fra i vari ingredienti e una povertà di gusto che mi hanno lasciato insoddisfatto. devo dire che il tortino di alici non era male ma servito ancora freddo all'interno, immagino a causa di una ripassata al micoronde troppo breve, non aiuta a risollevare il giudizio. nulla da eccepire sul vino e sul pane e sul prezzo, assolutamente adeguato. ad ogni modo, pur non essendomi trovato bene, voglio spezzare una lancia a favore della scelta fatta di chi ha deciso di aprire questo locale; va molto apprezzata l'idea dei km zero e soprattutto quella di puntare sul pesce azzurro, che sarà pure un pesce povero, ma è gustoso, sano e soprattutto presente nei nostri mari, a differenza, purtroppo, di quello "pregiato", la cui provenienza è spesso ancora avvolta nel mistero...forza! ci vuole una marcia in più in cucina per rilanciare il locale al livello che merita. tre farfalle di fiducia...per quanto possano valere...

Visitato a Maggio 2011

Salve a tutti .. incuriosito dalle recensioni e dal nome sono andato in questo ristorante .... la locations è spaventosa ... il gusto per gli arredi non ha un senso senbra all' impatto una trattoria da due soldi ma quando poi si mangia haaaaa la si che si capisce che neanche quei due soldi vale.... io sono un amante del pesce azzurro ma rovinarlo cosi ce ne vuole delle alici insapore della pasta completamente insipida e per nn parlare del condimento quasi inesistente ho poi optato per il doce saltando il secondo e anche li una delusione la scelta ???? ma quale???? costretto a prendere una torta di pane che nn sapeva propio di niente piena di burro e frutta secca dura come dei mattoni l'unica cosa che si salva è il vino ma niente di che comunque mo dispiace ma lo sconsiglio .......

Visitato a Agosto 2011

FINALMENTE! un ristorante dove puoi mangiare del pesce buono e fresco, senza che il tuo portafogli piaga!
posto senza grilli e e solo pesce locale azzurro condito in modo semplice ma gustoso
Vino del contadino e olio proveniente da aranova.
ci ritorneremo sicuramente

Visitato a Luglio 2011

L'idea è buona pesce KM 0, abbiamo preso 3 primi 3 secondi 1/2 litro di vino una bottiglia di acqua della fontana € 1 esagerati, totale € 60, però era quasi tutto insipido, non riesco a capire come fanno i recensori che mi hanno preceduto a dare il massimo dei voti, E' una cucina molto banale,sicuramente non ci torneremo, Le persone che hanno dato voti favorevoli o non capiscono nulla di cucina oppure sono parenti.

Visitato a Agosto 2011

Ristorante semplice ma molto ben tenuto ad Isola sacra. Hanno un menu sicuramente originale, che prescinde dai soliti piatti di pesce. Ottimi davvero gli antipasti e i primi, con la pasta da segnalare per qualita'. Ai secondi non siamo arrivati. Simpatici anhe i dolci, con il tiramisu' su tutti. Rapporto qualita' prezzo davvero molto buono.

Visitato a Luglio 2011

Non mi ha convinto più di qualcosa di questo posto. Innanzitutto questo ostentare il Kilometri Zero o il pesce servito non di allevamento, quando mi servi delle cozze palesamente di allevamento (buone però!), del resto Fiumicino e il litorale romano non sono famosi per i loro scogli.
La zuppa di pesce scaldata e riscaldata (il sugo sapeva di bruciacchiato), la pasta al fragolino era una semplice pasta all'arrabbiata (il fragolino lo dovevi portare da casa), le fettuccine pecorino, cozze e vongole erano una semplice pasta in bianco con 3 cozze e 3 vongole, di quest'ultime c'era solo il guscio. Per il resto, niente male (antipasti, altri secondi e dolci), ma ribadisco non del tutto convincente. In più, di 6 persone che eravamo, 2 sono state male, io, in particolar modo, come mi sono alzata da tavola ho vomitato pure l'anima e ho avuto disturbi per 3 giorni. Ora, non voglio dare la colpa al ristorante, anche perchè abbiamo mangiato tutti le stesse cose e solo in 2 siamo state male e tra l'altro le 2 più delicate di stomaco e cagionevoli di salute, ma qualcosa che non andava c'era, spero non le alici crude... Comunque io non ci tornerò di certo.

Visitato a Giugno 2011

un ottima idea.. su cui pero' bisogna ancora lavorarci. Buoni gli antipasti e i primi. Da elogiare la qualità delle materie prime (olio in primis) che danno alle portate quella leggerezza davvero rara da trovare. I secondi un po' meno.. a mio avviso il pesce azzurro richiede un po' di estro in più in cucina.
Vino.. al solito.. ma per me è normale.. mai bevuto un bianco sfuso di qualità.
Chiaramente è poi tutto subordinato a: vi piace il pesce azzurro? Ottimi i prezzi ( e speriamo che rimangano tali.. mangiare pesce azzurro a più di 20€ non ha senso!)

Visitato a Luglio 2011

Il locale è curato il personale è accogliente e gentile , il servizio è abbastanza veloce . L’idea del proprietario è stata molto originale perché non tutti servono prodotti a km 0 . Inoltre fare cucina con il pesce povero non è facile . Insomma che dirvi non male .

Visitato a Maggio 2011

Mi associo con entusiasmo al commento di Gabrifra: la posizione del locale (semplice e curato allo stesso tempo) non è esattamente "semplice", ma la qualità dei cibi-reale e non apparente-e l'atmosfera naturalmente rilassata mi hanno fatto sperimentare durante la mia prima visita quasi uno stato di grazia. Davvero interessante e da imitare la filosofia Km0 e la cura delle preparazioni dal punto di vista nutrizionale. Delizia per il palato e tranquillità per le tasche. E chi arriva in bici ha lo sconto!
Da consigliare assolutamente.

Visitato a Giugno 2011

Bella idea quella di questi ragazzi, che in una via non particolarmente trafficata in quel di Fiumicino hanno deciso pochi mesi fa (Novembre 2010) di aprire un ristorante di pesce tra i molti già presenti nella cittadina di mare spaziando tra varie ricette di pesce, ma non il pesce che va per la maggiore bensì tra il “pesce azzurro”: alici, aguglie, sugherelli, palamite, sardine e tant’altro.
Hanno accettato la sfida “in mare aperto” e nel loro ristorante presentano ricette particolari con questo tipo di pesce ultimamente rivalutato e ai più ancora oggi poco conosciuto.
Il locale dispone di una cinquantina di posti all’interno e di una trentina all’esterno, è arredato in maniera semplice con le pareti di color celestino e con delle foto giganti appese ai muri che raffigurano i principali fornitori dei prodotti usati in cucina, oltre al cuoco in bella mostra, completano l’ambiente i tavoli in legno ricoperti con tovaglie di carta paglia biodegradabili e le sedie rivestite di paglia.
La maggior parte dei prodotti utilizzati è a km zero (altra importante sfida), il pesce da Ostia Antica, il vino da Gallicano nel Lazio, la pasta artigianale del Pastificio Masciarelli da L’Aquila, l’olio extra vergine di oliva dalla Sabina, la verdura e la frutta dalla produzione locale e l’acqua della rete, microfiltrata e mineralizzata.
Con queste premesse ci mettiamo a tavola e per iniziare scegliamo un bel giro di antipasti composti di alici al caramello, tortino di alici, sarda imperatore e carciofo, ben presentati nel piatto da portata e ancora, insalatina e impepata di cozze.
Come primo piatto ho preso delle fettuccine cozze, vongole e pecorino, ma ho anche assaggiato gli anelli al pesce povero (tra cui maccarello, sugherello e sgombro).
Per i dolci abbiamo assaggiato un bis di dolci poveri composti dalla torta di pane e dalla torta di carote, inoltre non ho perso l’occasione di gustare il tiramisù proposto.
Il menù, dove sono segnalati il peso delle porzioni servite, i prodotti usati e le chilocalorie, prevede quattro antipasti, cinque primi piatti, sei secondi tra cui un piatto riservato ai bambini, tre dolci oltre ad alcuni piatti del giorno.
Buona esperienza che va ripetuta sicuramente così da poter provare anche i secondi (questa volta non presi per ragioni di spazio), interessanti gli antipasti, non male i primi piatti, per i dolci, buono il tiramisù fatto con i biscotti Oro Saiwa, mentre i dolci poveri non mi hanno particolarmente entusiasmato, la prossima volta proverò la crostata di ricotta; l’altra cosa, che ho segnalato a uno dei proprietari (simpatico e gentile), la mancata presenza di una birra artigianale che possa abbinarsi ai piatti presenti nel menù.
Eravamo in cinque per un conto finale di 25 euro a persona e cosa importante non è previsto il pagamento del pane e del coperto.
Nel complesso non male il giudizio, come auspicio per migliorare e un augurio di buon lavoro nell’ambito di una cucina che va fatta conoscere e che se ben fatta può dare molte soddisfazioni.
Alla prossima!

Visitato a Maggio 2011

Ottima l'idea e ottimo il rapporto qualità/prezzo. La qualità delle materie prime è indiscutibile, mi ha particolarmente sorpreso la pasta veramente, veramente notevole.
Pesce e molluschi freschissimi.
Provati
antipasti: tortino di alici,
primi: spaghetti vongole e carciofi / fettuccine cozze vongole e pecorino,
secondi: zuppa di pesce / pesce stella alla piastra
dolce: torta ciocollato e menta
Confermo il budget di 30 € per una cena completa.
La cantina non è particolarmente fornita, ma sempre nello spirito dei km0.

Visitato a Aprile 2011

ho letto le recensioni su questo nuovo ristorante e mi sono affacciato incuriosito sia dal nome che dal tipo di cucina. entrando mi sono trovato in un'accogliente sala senza sfarzi ed ho notato all'ingresso un cartello dove viene proposto uno sconto del 30% per chi viene in bici. ho poi iniziato a gustare il tortino di alici come antipasto, ho mangiato come primo dei bucatini ortica e acciuga, continuato con una cacciatora di pesce povero, e concluso con una torta di pane. ho speso 25 euro bevendo acqua e il loro vino sfuso. devo dire che ho apprezzato la loro onestà e la loro ricerca di pietanze cosidette povere, possibilmente a km 0 unitamente al discorso del pesce azzurro che fa bene. quindi confermo in pieno le critiche che mi hanno preceduto.

Visitato a Marzo 2011

ottimo pesce ,ottima l'inventiva, ottima accoglienza....by ANTICARICETTA

ottimo ristorante, qualità alta delle materie prime, pasta, olio...tutto genuino e di provenienza laziale.
i primi sono eccezionali
ed anche i prezzi contenuti.
Complimenti, ci tornerò sicuramente.

Visitato a Gennaio 2011

Sono stato da povero sabato, gran casino, ma l'ìdea di un posto familiare. L'olio e' di un frantoio, e infatti nonostante la gran mangiata, un senso di leggerezza. Ottimo il vino della casa, simpatico il servizio. Ho speso 30 euro e ho mangiato tutto, antipasto primo secondo contorno e dolce, bene bene bene, da ripetere.

Visitato a Gennaio 2011

Quando vado in un ristorante guardo principalmente 4 cose che secondo me sono il biglietto da visita fondamentale:1 la qualità del pane - 2 il vino sfuso - 3 il prezzo onesto - 4 la pulizia del bagno.
Da povero pesce questi indicatori sommati alla sincerità della cucina mi fanno propendere per uno spagolicious!

Visitato a Gennaio 2011

Il ristorante è carino ed i piatti sono tutti buoni. Certo il prezzo non è quello di un "cinese" ma d'altronde neanche il cibo..
L'ambiente è familiare e l'aspetto volutamente rustico ma il personale è simpatico e alla mano.
Da provare

Visitato a Dicembre 2010

Volevo mangiare poco ma mi sono abbuffato per la smania di voler assaggiare tutto. Bhe il pesce è leggero comunque...almeno cos' dicono.
Direi che la materia prima è ottima ed è cucinata con fantasia ma senza troppi orpelli. La caratteristica principale è il pesce azzurro, rigorosamente pescato, ed ovviamente ottimo, ma io voglio segnalare in particolare la qualità della pasta, a mio avviso semplicemente divina, del pane e del vino della casa.
I dolci sono fatti in casa, sono impegnativi e fanno riscoprire i sapori di una volta. Di certo non si possono paragonare ad un gelato confezionato. Il servizio è buono, con personale attento e simpatico. Assolutamente da provare

Visitato a Dicembre 2010

L'ambiente e' carino, ed anche il servizio si fa' apprezzare. Abbiamo trovato tutto di qualita', specialmente i dolci fatti in casa, davvero buoni, Positiva l'ispirazione all'eco-sostenibilita e alla trasparenza dei prodotti, prezzi ragionevolissimi. Da provare

Visitato a Novembre 2010

Non capisco come si possa definire buono questo ristorante.
Ho voluto provarlo vedendo le altre recensioni, ma evidentemente a scriverle sono stati tutti i loro amici, non fatevi convincere.
Per mangiare delle alici, dei filetti di maccarello e delle lasagne di pesce congelate e servite ancora congelate ho speso 40 Euro.
Non mi vedranno più

Visitato a Dicembre 2010

Questo ristorante và premiato! Oltre ad un menù semplice e gustoso (io ho preso il "povero suhi", gli "spaghetti alici e finocchietto" e la frutta caramellata... buonissimi!!) bisogna ricordare che "povero pesce" è stato pensato per rispettare al massimo l'ambiente: prodotti a km0, tovaglie biodegradabili, ecc... Fra tanti nuovi ristoranti, finalmente ce n'è uno con una marcia in più! Bravi!

Visitato a Novembre 2010

ke dire un buon ristorante si mangia benissimo il tortino con le alici è spettacolare.....il pesce alla william è buonissimo.....

Me lo ha consigliato un amico e ci sono andato per provare il pesce azzurro...davvero una bella scoperta perchè i piatti erano gustosi semplici e con un ottimo rapporto qualità prezzo, il tutto a km zero che è una filosofia di gestione che mi piace. Infine i proprietari simpatici ti mettono a tuo agio e danno un'atmosfera proprio accogliente.
Lo consiglio a tutti. Rinaldo

Visitato a Novembre 2010

In primis un elogio al proprietario per l'idea innovativa di puntare su prodotti freschi e locali...e visto l'appiattimento generale verso il basso che regna oggigiorno nella ristorazione, non è un aspetto da sottovalutare. Una buona idea di partenza va però accompagnata dalla qualità della cucina e in questo Poveropesce non tradisce le aspettative!
Buoni gli antipasti con il tortino di melanazane, alici, pinoli e uvetta su tutti.
Tra i primi consiglio le fettuccine rigate con vongole, cozze e pecorino (da sottolineare la qualità della pasta di un'azienda abruzzese).
E poi si può proseguire con ampia scelta di pesce azzurro tra cui mi è piaciuto molto lo sgombro alla cacciatora, ovvero cotto al forno con rosmarino e aceto balsamico.
Per finire simpatici i dolci come il tiramisù fatto con gli orosaiwa.
I punti di forza di un ristorante come Poveropesce sono sicuramente il prezzo (in media spenderete sui 25 euro per una cena completa) e inoltre la sensazione di aver mangiato "sano" e di non essersi appesantiti il fegato e le arterie con intingoli grassissimi come spesso accade in altri ristoranti.
E in tutto ciò non dimentichiamo che è un ristorante appena aperto e che ha ancora molto da offrire, magari per ottenere un bel "Spagolicious"!

Visitato a Novembre 2010

Be... che dire... il posto è accogliente, l'attenzione a creare un' ambiente familiare con i vecchi valori di allora e una particolarissima attenzione a valorizzare quelli che sono i prodotti che ci diversificano....... il POVERO PESCE all' inizio devo dire di esser stato un po scettico ma la particolarità della loro cucina mi ha fatto ricredere, l' abbinamento di questo pesce con prodotti controllati e nostrani mi ha soddisfatto..... piccoli particolari che portano un piatto semplice ad essere gustoso e leggero allo stesso tempo. Un elogio particolare va hai dolci, partiamo da un classico ma strepitoso tiramisù come quelli di un tempo e dulcis in fundo una pera cotta nel novello e cannella. Tirate le somme ristorante da consigliare.......

Ragazzi questo è un posto con un idea che diventa cucina,cibo . E siccome l'idea è buona il cibo è ottimo . Finalmente qualcosa di diverso e vero. Prezzi più che contenuti

Mi son trovato in questo ristorante dopo la segnalazione di un mio amico, ero molto sciettico poichè consideravo il pesce povero molto difficile da rendere appetitoso.
Mi son dovuto ricredere in pieno, mangiare pesce azzurro in modo gustoso si può.
La zuppa di pesce è sempre disponibile senza ordinazione, consiglio la cacciatora di pesce povero e le alici cucinate in molti modi.
La sala e il servizio sono accoglienti ma senza fronzoli.
Da apprezzare il discorso dell'ecosostenibilità.

Visitato a Novembre 2010

Allora, ottimi sia i primi che i dolci, e il pesce senz'altro fresco. Quello che pero' mi e' piaciuto di piu' e' il km zero, con lo sforzo di comprare tutto direttamente dai produttori, con le loro foto alle pareti. Prezzo veramente abbordabile , da tornare.

Visitato a Ottobre 2010

Ultime attività sui ristoranti a Roma

Ristoranti vicino a RISTORANTE POVERO PESCE

A chi piace RISTORANTE POVERO PESCE piace anche.

Menu con antipasti, 1 kg di frittura mista di pesce, vino e dolce a Ostia

Menu con antipasti, 1 kg di frittura mista di pesce, vino e dolce a Ostia

Menu di mare di 4 portate o zuppa di pesce con dolce e vino