Ristorante, Pizzeria

PIZZARIUM

 Via Della Meloria, 43 - 00136 Roma (RM)

 06.39745416

12345 48 Voti -  41 Recensioni - Prezzo medio 15

 Le promozioni del ristorante

 Il Tuo voto per Pizzarium

Dai il tuo voto al ristorante oppure, se vuoi, puoi scrivere una recensione completa, gli altri utenti lo apprezzeranno sicuramente.

54321

41 Recensioni per Pizzarium

sarà anche tutto molto buono,ma se devo spendere come fossi al ristorante vado al ristorante,se devo prendere un pezzo di pizza e una birra non scelgo questo posto

Mi sta vicino casa e ho voluto provarla. Forse non sono abbastanza ricco per godermi le cose belle della vita, ma non pagherò mai più 10 euro per un trancetto di pizza da passeggio.

Visitato a Luglio 2013

Mi aspettavo francamente qualcosa di più dalla tanto decantata pizza di Bonci. A parte il locale angusto, che sarebbe comprensibile se si parlasse di una normale pizzeria al taglio per asporto, cosa che qui non è vista la notorietà del titolare, ho trovato che le pizze siano più che altro arditi sperimentalismi, studiati anche per giustificare i prezzi assolutamente folli. Sicuramente non ci tornerò.

Focaccia con pomodori pachino oppure pizza con le patate. E capisci subito che il benchmark d'ora in avanti sarà la pizza di Bonci.

Visitato a Marzo 2013

Pizza buona indubbiamente ,materie prime interessanti e di ottima qualità , prezzi esagerati ma comprensibili data la fama del proprietario ma il peggio è il locale angustissimo e pieno di gente .....non é che te la gusti proprio!!!!!Esperienza interessante e curiosa ma non credo ci tornerò, anche perché la posizione non é proprio di passaggio!

Visitato a Gennaio 2013

Buona la pizza anche se i prezzi sono fuori dalla norma e giustificati solo dalla notorietà televisiva del Bonci, comunque per la pizza a mio avviso Bonci di giorno ed Elliot pub di sera!!!

Pizza migliore al mondo tappa obbligata per chi va a Roma

Entrando nell'ormai famisissimo Pizzarium il timore di una cocente delusione non era neanche troppo velato, il sospetto che Bonci, ormai onnipresente nella stampa di settore e ospite fisso di trasmissioni televisive, avesse abbassato la guardia era piuttosto forte.
Alla faccia di sospetti e detrattori le pizze hanno superato a pieni voti la prova del palato, splendidamente lievitate, farcite con estro e abbondanza di ogni ben di Dio, materie prime che attingono a piene mani al mondo del "bio", come i numerosi cartelli fanno notare con insistenza, la digeribilità, nonostante la succulenza è da primato, bonus per i fritti, leggeri e incredibilmente fragranti anche riscaldati.
Lamentarsi dei prezzi non certo popolari è superfluo, Bonci è famoso, ha sempre la fila che esce dal locale, usa materie prime di qualità e si fa pagare, ma è pur sempre una pizza al taglio, nessuno andrà in bancarotta per aver fatto merenda da lui!
Però credo che difficilmente ci tornerò, almeno fino a quando non si trasferirà in una sede più comoda, ho dovuto ordinare prendendo spintoni da tutte le parti, nuotare nella folla fino alla cassa posta a un metro e mezzo dal banco, tornare in apnea al banco a ritirare il vassoio e mangiare in piedi appoggiato ad un muro, annaffiando il tutto con una buona De Molen pescata in fretta e furia dal fornito frigorifero rasoterra rischiando ginocchiate sui denti e senza poter verificare la gradazione alcolica di oltre sette gradi che nella canicola romana di metà Luglio più che rinfrescarmi mi ha fatto sudare.
Comunque una visita è obbligatoria per qualunque Gourmet errante che si trovasse a passare non troppo lontano.

Miglior pizza mai mangiata, veramente una goduria.
Prezzi altini, ma ne vale la pena.

Visitato a Luglio 2012

Per il sottoscritto che non ama le file essere riuscito finalmente ad entrare da “Pizzarium” e aver conquistato la visuale completa del banco per osservare le proposte delle pizze ha rappresentato già una grande conquista.
Tale possibilità mi è stata offerta dopo diversi tentativi andati a vuoto, approfittando di un giorno meno affollato, perché di solito la fila si attesta lungo il marciapiede, per questo locale che semplicemente come recita un cartello fa pizza al taglio.
Non aspettatevi la classica pizzeria di quartiere ma una sorta di boutique, la boutique dell’ormai famoso Gabriele Bonci per via delle sue continue apparizioni nella trasmissione della RAI “La prova del cuoco” e soprattutto per ciò che sforna in questo buchetto.
Locale piccolissimo e scarsissima probabilità di mangiare seduti salvo la presenza di due panchine poste all’aperto subito fuori il locale e con l’unica possibilità di poggiare il vassoio su un metro di ripiano posto davanti la vetrina.
Fin qui le difficoltà rappresentate dall’accesso e la conquista di un posto dove appoggiarsi, ma subito dopo vengono le note positive rappresentate dalle pizze sfornate, alte, soffici, e molto condite.
Prima di entrare nello specifico va sottolineata la buona presenza di birre artigianali, tra cui molte birre belghe che possono accompagnare nel migliore dei modi i tranci di pizza scelti.
Quindi veniamo alla pizza, tanta qualità, alta digeribilità nonostante gli ingredienti usati non proprio da dieta mediterranea e la ricerca continua di nuovi accostamenti.
Il primo approccio con “Pizzarium” è stato con un trancio composto da burrata e cicoria ripassata su base rossa, seguita in rapida successione da un altro trancio con zucchine e mortadella, il tutto splendidamente accompagnato da una buona birra belga, in questo caso la Reinaert Triplel, dal colore dorato e dalla schiuma compatta, cremosa e persistente, ottimo aroma e buon contrasto tra malto e luppolo, bevendola non traspare la forte gradazione alcolica (9%), molto buona per accompagnare formaggi e salumi.
La vera nota stonata è rappresentata dai prezzi veramente alti, un po’ dovuti al peso delle pizze e un po’ dagli ingredienti ricercati, tant’è che per due tranci di pizza divisi in quattro e una bottiglia di birra ho speso 15 euro (i prezzi vanno dai 10 euro ai 40 euro al chilo), tra cui 3,80 per la birra (in questo caso con poco ricarico).
Non pochi di questi tempi ma qualcuno dirà giustamente la qualità si paga e dalle file continue si deduce che la gente per queste prelibatezze è disposta a spendere qualcosa in più, personalmente ritengo sia comunque troppo per un pasto in piedi o da asporto.
Da ultimo, se pensate di trovare soltanto i classici gusti non venite in questo forno/laboratorio qui trovate una continua ricerca di nuovi sapori e accostamenti, qui ci si viene per deliziare il palato non per fare la classica merendina veloce di metà mattina o quella di pomeriggio come siamo abituati qui a Roma.
“Pizzarium”, comunque, rappresenta una tappa obbligatoria!

Visitato a Maggio 2012

Ci sono cose che non si possono classificare, è difficile dare un giudizio su qualcosa che è unico, perché non si ha un termine di paragone... la pizza di Bonci è una di queste.
Gli abbinamenti coraggiosi, la qualità delle materie prime usate, la selezione di birre artigianali di qualità, fanno, di questo piccolo locale, apparentemente uguale alle migliaia di pizzeria a taglio presenti in ogni angolo della città, un luogo magico dove ci si stupisce ad ogni visita... mai avrei pensato, infatti, di rimanere estasiato da una pizza con baccalà, patate e miele per fare un esempio.
La cortesia del personale, molto disponibile a spiegare dettagliatamente ogni pizza, fa da cornice a quella che definirei un'esperienza gastronomica più che una semplice pausa pranzo.
Ovviamente se avete voglia di mangiare una margherita, non ve lo consiglio, non ne varrebbe la pena, ma se siete predisposti alle novità ed a spendere come se andasse a mangiare in trattoria... allora ve lo consiglio vivamente!

Visitato a Aprile 2012

Frequento Pizzarium ormai da diversi anni e il mio giudizio è diviso esattamente a metà.

Nota positiva.
La pizza è in assoluto (e per distacco) la più buona che si possa mangiare a Roma! E non penso che tema confronti né a livello italiano né internazionale...
I motivi sono tanti...tanti come i gusti di pizza che si possono trovare sul bancone! Il profumo e la fragranza dell'impasto, gli straordinari ingredienti e le materie prime di alto livello...oltre alla digeribilità che ho sperimentato con alcune mangiate luculliane!

Veniamo poi alla nota dolente.
Trattandosi di una pizzeria a taglio (dove peraltro si sta anche molto stretti ormai) un aspetto importante è quello dei prezzi, proprio perché si tratta di un locale a prendere e portar via...o consumare al volo.
Rispetto a pochi anni fa, i prezzi sono cresciuti di circa il 30% e hanno raggiunto livelli esosi per una pizzeria a taglio. Io personalmente ho diradato le visite proprio per questo.
Io credo che se si aprisse un locale diverso, più ampio e curato e con la possibilità di sedersi...allora i prezzi sarebbero accettabili!

In conclusione: per la qualità eccelsa della pizza il mio voto è SPAGOLICIOUS!
Ma per i prezzi e il locale disagevole, il mio voto è ZERO.

Visitato a Aprile 2012

su suggerimento di un amico pizzaiolo stamattina abbiamo assaggiato un pezzo rossa e un altro con la mortadella e radicchio e stracchino. dunque la pizza è buona. un pò dura per essere stata appena fatta visto che alle 11 sono stato il primo ad assaggiare. buoni e abbondanti gli ingredienti. la pizza rossa 22 euro al kg. la mia 25 ...10 euro per 2 pezzi nemmeno esagerati. per chi trova ottima questa pizza consiglio la pizzeria il mattone su monti di primavalle ....magari non ha il nome di un pizzaiolo famoso ma sicuro è tutta un‘ altra storia

Visitato a Marzo 2012

Una pizzeria al taglio... che non è una "pizzeria al taglio", nel senso che non va preso come la "solita" pizzeria sotto casa, o come una delle pizzerie dove capiti per caso per fare un pranzo veloce ed economico mentre sei in giro, aspettandoti i consolidati tipi di abbinamente e pizze; Pizzarium va piuttosto visto come un posto dove puntare per fare un "piccolo pasto+birra" di qualità.
Sono "capitato" da Pizzarium dopo avere letto su tanti blog tutti i possibili elogi a Gabriele Bonci e alle sue pizze, quindi sapevo che non entravo in una delle tante pizzeria al taglio, ma sono comunque rimasto sorpreso dalle offerte di pizze, supplì e birre e ovviamente dai prezzi (al Kg oscillano dai 25 ai 35€ di media)!
Le due pizze che ho preso erano buonisissime, sia la base che i condimenti e gli accostamenti (due tranci piccoli ma di "peso" che mi hanno saziato: 10€). Chinotto Lurisia molto buono (2.50€). Il personale è molto gentile e rapido.
I prezzi sono un po' alti, ma la qualità è anch'essa alta, almeno ho avuto questa impressione. Poi in giro leggo delle materie prime che usano, i prodotti super doc etc etc...
La prossima volta che ci capito, mi farò consigliare le birre, dato il buon assortimento.
Il locale è (giustamente) piccolo, essendo da asporto; c'è comunque la possibilità di mangiare appoggiati ai banconi e ci sono anche due panchine fuori e loro forniscono un comodo vassoio.
Ho avuto impressione che la clientela sia un po' "fighettina/elegante" (forse per i prezzi e la fama di Bonci), un po' atipica per le pizzerie da asporto.
Tornando sui prezzi, se non si esagera con le porzioni, penso che si possa fare uno spuntino di qualità, che placa la fame, con circa 5/7€, bevande escluse.

Nota negativa: non hanno Coca-Cola o le altre solite bevande gassate (liberi di non proporli), ma peccato non abbiano neanche birre di fascia economica, almeno io non ne ho viste.

Visitato a Marzo 2012

Pizza Ottima, davvero!
Ingredienti ultramegacontrollati e ricercati.
Prezzo assolutamente alto, ma dicono che li vale tutti! Probabilmente è così, ma comincia ad essere una rosticceria d'elite!
Mi piacerebbe trovare una volta una classica margherita, sono curioso di assaggiare l'interpretazione della margherita del Bonci, perchè le cose più semplici sono sempre le più difficili...e voglio vedere come se la cava.

Ci torno di sicuro, ma prima compro un gratta e vinci!

Visitato a Ottobre 2011

la pizza è eccezionale, il prezzo lo vale tutto. ogni volta che posso, anche se è dall'altra parte di Roma, ci andiamo. Da provare quel che vi ritrovate lì al momento, tanto è tutto buono. Stupendi anche i supplì. E provate anche gazzose e chinotti

Locale angusto, pizza normale prezzi da guinness dei primati! Ci sono altre pizzerie a roma secondo me migliori.

Visitato a Gennaio 2012

Prodotto eccellente. Nel prezzo lo specchio della romanità. Se consumato quotidianamente fa male alle tasche ma rinvigorisce lo spirito. Pizzarium nelle guide dovrebbe essere inserita' tra i luoghi sacri. Federico Jesolo (VE)

Visitato a Maggio 2011

Che Bonci sia un grande cuoco già è stato avallato e consacrato dalla tv... personalmente ritengo che il suo merito maggiore sia stato quello di rivisitare in chiave del tutto originale e personalissima uno degli alimenti più diffusi e inflazionati del panorama culinario: la pizza al taglio.
Onore al merito perché:
1 - rinnova periodicamente il "menù" (difficilmente troverete due volte la stessa varietà di pizza)
2 - non risparmia sulle materie prime e non si arena sui fornitori più comodi (io stessa l'ho sentito chiacchierare con veri toscani)
3 - è attento anche alle altre pietanze: vasta selezione dei più classici fritti supplì e crocchette ma sempre dal caratteristico marchio Bonci (Supplì al cinghiale tanto per dirne una...)
4 - Non è "geloso" dei trucchi del mestiere ogni ricetta viene ampiamente enunciata ed è possbile acquistare le varie miscele di farina speciali che lui stesso utilizza
5 - Il parco bibite anch'esso ben curato: birre artigianlai e chicche tipo la spuma o il chinotto in bottiglia di vetro
6 - Il personale gentilissimo merita un'applauso per le potenti capacità mnemoniche: descrivono senza indugio diverse tipologie di pizze composte da non pochi particolarissimi ingredienti
7 - La cura dell'ambiente: posti all'impiedi ma un buon numero di appoggi anche esterni. Non troppo tempo fà ha rinnovato il locale (anche se andava già benissimo anche prima...)
8 - Benefit di cortesia: salviette umidificate al limone, disinfettante liquido per le mani (che servono tutti) e spilletta personalizzata

Per concludere l'unica critica che mi sento di avanzare è sul prezzo. Ammesso che tutte le succitate qualità vanno giustamente riconosciute e retribuite forse il buon Gabriele potrebbe rinuniciare a qualche decina di centesimo senza perdere nulla. Il suo consenso già molto vasto non diminuirebbe di certo, anzi, si accrescerebbe ancora e i suoi clienti affezionati si sentirebbero riconosciuti della loro fedeltà.

Concludo con una domanda aperta: avrà mai pensato ai dolci???...

Ci capito per caso oggi, vedo due avventori con succulenti pezzi in mano e tento, pur perplesso dai prezzi cmq ben in vista, l'azzardo: 2 strisce di 2cm x 14 circa, per un totale di circa 280 grammi, € 7,10 su un costo per entrambe di 25 € al Kg. Una era con zucca e guanciale (ottima ma scomoda da mangiare perche' il maiale era a fettone) e l'altra con purea di fagioli, broccoletti e nduja, interessante ma troppo salata. La pasta notevole, alta, soffice, ben cotta, merita tutti i complimenti del caso ma effettivamente viene proposta come prodotto di nicchia. Con quei prezzi si mangia buona e genuina cucina e, sara' l'aderenza a canoni napoletani, ma gli accostamenti arditi somigliano piu ad esercizi di stile che a reale ricercatezza gastronomica. Da provare, solo una volta...

La miglior pizzeria al taglio di Roma. Tante pizze diverse, accostamenti ricercati e materie prime di primissima qualità.

Nota dolente il prezzo della pizza che per alcune arriva anche a 40€/kg. L'ultima volta in due abbiamo preso 4 pezzetti di pizza (non troppo elaborata): 17€

Mi piace la pizza, e questa è forse una delle migliori in assoluto ma fa veramente male al portafogli.

Locale piccolissimo e quasi sempre affollato, pizza servita su taglieri, è uso fra i più consumare in piedi fuori dal locale. Consiglio: fate 50 metri e sedetevi, una pizza del genere va gustata e inoltre non deve essere bello trovarsi il succulento rettangolino, pagato a peso d'oro, spiaccicato sull'asfalto.

Visitato a Giugno 2011

E' vero, è caro. Pizze da 25 euro, 40 per quelle ripiene. Però:
- la pasta è eccezionale. croccante e saporita, con una texture unica e una lievitazione ineccepibile
- i condimenti, per quanto un po' particolari e insoliti, sono perfetti per accostamento. Ci stupisce la pizza con zucchine, stracchino e finocchietto, ma il massimo è una meraviglia con ciliegie arrostite, mortadella e porcini, una sorpresa indimenticabile. Paradossalmente, è la pizza più cara a dare meno soddisfazioni, con un ripieno di Pata Negra che copre tutti i sapori e cola unto.
- i condimenti sono ricchissimi, sia per quantità che per qualità. Due tranci a testa e siamo sazi, ma il cediamo alla tentazione del terzo per curiosità di sperimentare.
- le birre sono in gran parte artigianali. Davvero artigianali, nessuno di quei marchi semiartigianali che stanno arrivando anche nei supermercati. Prendiamo una birra di un microbirrificio marchigiano, corposa e saporita, leggermente acidula e con un marcato sapore di lieviti. Si accompagna bene alla pasta di Bonci.

Dicevamo, è caro, ma pensavo di spendere di più per mangiare meno. Alla fine in due, birra inclusa, spendiamo circa 30 per sei tranci "degustazione" che ci lasciano ben sazi e soddisfatti. Certo, immagino che per i turisti o i romani inconsapevoli (come quello che è entrato chiedendo "ma non ne avete una normale", e gli è stata servita una pizza a base di tre tipi di pomodori biologici DOP come "marinara") sia uno shock vedere quei prezzi.

Il negozio è piccolo, ci stanno sei persone dentro e 4 sulle panchine davanti. Dietro il banco ci sono almeno cinque tra commessi e fornai. Gentilissimo il commesso al banco, che ci illustra con cura tutte le scelte (incluso il baccalà all'aceto balsamico fritto sullo stecco tipo Magnum Algida) e suggerisce la birra da accompagnarci.

Un'esperienza esattamente come quella che ci aspettavamo, interessante, stimolante e al giusto prezzo.

Visitato a Giugno 2011

Finalmente posso partecipare anche io con qualche commento!!! Infatti sabato ho fatto pranzo da Bonci....purtroppo solo con un pezzo di pizza...Come hanno già detto in tanti, i prezzi sono troppo alti senza "forse" o "un pochino", sono troppo alti e BASTA. Lo dico con tranquillità perchè sono cresciuta in una panetteria e sento parlare mio padre di lievitazione naturale da 20 anni e posso giurare che non vendiamo la pizza a 25 euro al kg!!
Per non parlare poi del pane.....9/10 euro al kg...ma stiamo scherzando?? qui da noi un pane da un kilo si paga intorno ai 2 euro...fate due conti!! ah e la panetteria è molto più grande di pizzarium!:)
Riguardo la pizza e i condimenti non posso dire niente di niente...era favolosa!! Pizza bianca, con pomodorini, cotto e menta. Nonostanza l'altezza, veramente leggera, base croccante e non gommosa! e comunque anche il pensiero di quanto hai speso per un pezzo di pizza (6.50 euro) non te la fa gustare a pieno...no???

Visitato a Giugno 2011

Pizzarium paga forse le eccessive aspettative che si sono create intorno a questo locale.
Su internet è possibile infatti trovare centnaia di recensioni, quasi tutte molto positive, su questa pizzeria a taglio, che fa della ricerca di materie prime di qualità e della creatività del suo "Chef" Bonci i suoi punti di forza.
All'atto pratico, tuttavia, ci si trova spesso davanti a vari tipi di pizza, tutti molto "sovraccarichi",
con dei gusti sicuramente interessanti, ma che non fanno certo gridare al miracolo (certe volte paga di più la semplicità che la ricercatezza forzata a tutti i costi...)!
In occasione della mia visita ho preso una pizza ricotta, "vari tipi di pepe" e zucchine e una semplice patate e mozzarella.
La prima ad essere onesto non mi ha entusiasmato: un pò insipida. La seconda invece era si veramente buona.
Le aspettetive vengono confermate invece al momento di accomodarsi alla cassa: due striscette mini di pizza 8 euro.
Complessivamente (anche se mi rendo conto che esprimere un giudizio basandosi su due soli tipi di pizza provati non sia propriamente corretto, e mi riservo di aggiornare il commento alla prossima visita) non mi sento di condividere l'appellativo di "pizza più buona di Roma",
poichè ci sono tanti altri forni, meno rinomati, che lavorano benissimo, anzi...
Come detto in apertura, approcciandosi a "Pizzarium" la gente ha elevate aspettative che, per quanto mi riguarda, vengono ripagate solo in parte, con una pizza sicuramente buona (indiscutibile la qualità dell'impasto) ma niente di più.

Visitato a Maggio 2011

Premettendo quanto io adori le creazioni di Bonci, la varietà dell'offerta, la qualità degli ingredienti, la cura nella preparazione, la disponibilità di bevande ottime e birra artigianale, vorrei soffermarmi (purtroppo) sulla spinosa questione del prezzo: frequento Pizzarium da due anni con grande piacere, ma l'aumento vertiginoso del costo delle pizze mi permette ormai meno spesso di concedermi un pasto a base di lieviti di Bonci. Non è una critica cieca che mira a screditare un ottimo locale, è soltanto la mia semplice visione dei fatti: di questo passo molte meno persone potranno permettersi Pizzarium e trovo sia un gran peccato, perché una pizza così buona dovrebbe potersi diffondere sempre più.

5 farfalle per la bontà complessiva
2 per il prezzo

Visitato a Maggio 2011

Ok va bene non si discute assolutamente la bontà della pizza...ma 30 euro per tre piccole porzioni e un arancino mi sembra eccessivo voi che dite? comunque se ci si va preparati, sapendo di spendere cosi tanto per una pizzeria a taglio ne vale veramente la pena, mai sentita una pizza cosi buona e cosi ben farcita!! vi dico solo una cosa: pizza ripiena con trippa alla romana e arancino con cicoria e salciccia vi fa scordare tutte le pizzerie di Roma! consigliatissimo, ma preparate 50euro!

Visitato a Aprile 2011

Gabriele Bonci è sicuramente rinomato con la sua Pizzarium per la qualità della sua tanto nominata pizza..non è solo una nomina. E' una realtà, ma ATTENZIONE..la pizza di per sé aveva prezzi al di sopra della norma come al di sopra è la qualità. Dopo le recenti ristrutturazioni del locale sono tornata ed il prezzo per un trancio di pizza di 18x10cm del peso di 260gr, è stato di €10,40(scontrino alla mano e occhi stralunati alla cassa).Chiedo il prezzo della pizza: €40,00/kg esposto sulla teglia subito dopo essere stata servita.Siamo d'accordo sul valore della QUALITA', ma invito a chi di strada a provare la pizzeria a taglio di Via Della Torre Clementina a Fiumicino..qualità ottima e prezzi decisamente onesti (da provare quella con le alici..).Era cara ma oggi per una striscia di pizza mi sembra esagerato.

Visitato a Marzo 2011

Ma dov'è finita la cara e vecchia pizza?! Volete convincerci di questa dopo gusti di gelati improbabili, dopo mille variazioni di cioccolato, dopo rivisitazioni e dissociazioni di tanti piatti?!

Visitato a Novembre 2010

Aggiorno il commento aggiungendo che al momento la pizzeria è chiusa perchè in ristrutturazione; la cosa è stata rilevata oggi, e debbo dire che non mi pare che il nuovo allestimento (tessere d'ardesia o simil-tale: molto, troppo à la page p'ii gusti mia) sia foriero d'abbassamenti di prezzo, anzi. Stiamo ufficialmente entrando nell' empireo del fichettume...

Grandi ricordi, soprattutto i primi tempi che ci andavo.
Mi resta in mente la sorpresa di trovare delle birre di livello in una pizzeria al taglio; in questo senso Gabriele Bonci ha introdotto una cultura ed una mentalità che stanno prendendo piede,e questo merito resta anche oggi.

Per il resto, grande cura nella scelta delle materie prime e nella preparazione dell' impasto, ed accostamenti assai fantasiosi (talvolta rasentano il genio, talaltra lasciano quantomeno perplessi). Resta un unicum, a mio parere, nel panorama romano.

Poi, certo, ci sono i contro: spazi angusti, file chilometriche, chiusura diciamo "molto per tempo".
Negli ultimi tempi poi ho notato anch'io un innalzamento dei prezzi (già prima abbastanza sostenuti), ma -con uno sforzo d'obiettività- non dimentichiamo che ci sono pizzerie a taglio moolto scadenti che ne praticano di simili se non di uguali.
altro neo: sarà la difficoltà di gestire il successo e l'affluenza, saranno i numerosi impegni del titolare, ma ho colto anche io un lieve abbassamento della qualità.
Che resta comunque ben sopra la media.


Diciamo che oggi come oggi non tenderei a frequentare il locale ogni volta che ho voglia di pizza, ma senz'altro continuerò a consigliarla (con le dovute premesse), ed a portarci gente che non la conosce, specialmente gli amici in visita a Roma.

Gli dò quattro farfalle, soprattutto a causa del prezzo eccessivo: sarà anche geniale, ma resta pizza al taglio.


@vaevictis: Ma se Piazzale degli eroi è periferico; l'EUR dove lo collochi, in Basilicata? ;)

Mio Dio, sono tornato dopo qualche mese di assenza e ho trovato i prezzi aumentati in maniera spropositata: per una striscetta di pizza di 15 cm per 5, sui 2 etti di peso, e con un condimento non certo fatto con prodotti di nicchia, ben 7.20 euro...Scontati...!!!
M'è rimasto il dubbio di quanto avrei speso a prezzo pieno...!!!

Ora, va bene che la qualità si paga, ma a tutto c'è un limite...Se poi aggiungiamo che il livello mi pare pure un po' peggiorato, ecco che la cosa non quadra più...

Quindi, con l'auspicio che si inverta la tendenza, e con il proposito di tornarci tra un bel po' (quando avrò assorbito bene il colpo...), per ora lo tolgo dai miei "preferiti", e abbasso il voto da "buono" a "non male"....

Visitato a Dicembre 2010

obiettivamente la pizza di pizzarium è un po cara ma è veramente uno spettacolo di pizza
non fanno le pizze classiche, è vero, è una loro scelta che posso non capire ma se il risultato è questo la scelta che fanno è più che giusta
anzi, oggi ci ritorno

Visitato a Novembre 2009

La grande cucina delle materie prime di qualità applicata all'arte della panificazione.
Pasta della pizza eccellente, condimento molto abbondante e dagli accostamenti spesso raffinati.
Grandissima ricerca della materia prima.
Una vera bottega del gusto, scomoda e geniale, ricca la scelta di birra belga, anche se viene un po' vanificata dalla spillatura obbligatoriamente alla plastica.

Visitato a Maggio 2010

Il caro Bonci sta perdendo colpi.... materie prime sempre più di scarsa qualità, prezzi sempre meno abbordabili... e innovazione stantia! Anche uno degli ultimi baluardi sta cedendo! Peccato Gabri!

Visitato a Maggio 2010

In una bottega angusta e periferica, lo chef-pizzaiolo sforna creazioni fantasiose e ricercate, sempre diverse e sempre originali.

Molto variegato e persino troppo ricco il condimento: talvolta soffoca il sapore della base, che invece ha un impasto croccante e ben lievitato, e andrebbe forse più valorizzata nel contesto d'insieme.

Sempre ottime le materie prime, spesso costituite da prodotti veramente di nicchia.

Criticabili certi accostamenti, ma lo chef crea per sperimentare e accontentare i palati più variegati.

Imperdonabile, a mio avviso, l'assenza di 2-3 gusti tradizionali disponibili in continuo (li si trova invece solo in casi rari...).

Altra pecca, l'assenza di spazio: mangiare in piedi diventa difficile, e visto quanto sono "cariche" le pizze, sporcarsi è, al contrario, piuttosto facile. Un locale un po' più ampio, o qualche tavolino sul marciapiede, non guasterebbero affatto.

Infine, un po' alti i prezzi per una pizzeria al taglio, ma d'altronde la qualità si paga...

Voto 7 e mezzo, giudizio "buono", l'ho anche messo tra i miei preferiti...

Visitato a Maggio 2010

rimane ancora tra i migliori della mia classifica per le pizzerie a taglio bonci lo chef della pizza lievitazione naturale farine di altri tempi materie prime da sogno qualità qualità e passione importante il tipo di farina che usa provate anche il pane di tutti i tipi..

Recensione completa sul mio SpagoBlog: http://www.2spaghi.it/blog/GustoDiVivere/?p=6

".....Pizze spettacolari! Vanno gustate come se si valutasse un vino, centellinate ed assaporate!
Ho trovato diversi stranieri divertiti e spiazzati dalla pizza gusto tortellini! C’è sempre gente e lo spazio è poco, spesso c’è da aspettare qualche minuto.

I prezzi della pizza a taglio sono leggermente + alti delle normali pizze a taglio, siamo fra i 18 e i 25 euro al kilo, ma confrontati con tanta qualità, varietà e originalità sono assolutamente giustificati!
Non servono Coca o bibite comuni, solo una vasta scelta di birre e un’etichetta di bibite Bio (gazzosa, chinotto….2€)

Per farla breve, chi adora la pizza non può non provare.

ECCELLENZA DELLA PIZZA A TAGLIO
GUSTI ORIGINALI ED INNOVATIVI
SEMPRE AFFOLLATO"

Visitato a Marzo 2010

Ottima pizza al taglio, riccamente condita, nei modi più gustosi. Locale da asporto con una sola vetrina. Coda.

Visitato a Dicembre 2009

Pizzarium. Beh esperienze controverse, sempre ai limiti dell'arrabbiatura. Grandi materie prime, indisctiubilmnte.M accostaneti " Vissaniani" in vari casi non convincenti, uno per tutti, una pizza bianca dove sono adagiate delle fette di ottima mortadella, completamente rovinata dell'infausta presenza della cipolla dolce che copre gli altri sapori, ma poi, perchè non fare fisse due o tre pizze classiche per accontentare i tradizionalisti

Visitato a Dicembre 2009

Il TEMPIO della PIZZA,a Roma!Non pensavo che una pizzeria al taglio potesse raggiungere una tale fama:la conoscono in molti Paesi esteri,davvero!E' una tappa obbligata x tutti!Ottimo posto davvero!

LA Pizzeria al taglio di Roma. Tutte le prelibatezze sfornate da Gabriele Bonci sono opere d'arte e gioia per il palato. Non si tratta di pizza ma di qualcosa in più, andate a provarlo e fatevi consigliare una birra artigianale (ne ha moltissime) per accompagnare il pasto. Ah quasi dimenticavo: assaggiate i fritti non ve ne pentirete!!!

Ultime attività sui ristoranti a Roma

Ristoranti vicino a PIZZARIUM

A chi piace PIZZARIUM piace anche.

Amante della buona tavola, non perdere quest'occasione! Per te, un menu pizza completo x2 con antipasto, pizza a scelta, dolce, bevande a scelta e caffè presso Pummaré.

Tanto buon gusto ti aspetta da Ciro & Ciro! Menu x2 con antipasti, pizza a scelta, acqua, coperto e servzio inclusi. Un vero momento di piacere... Tutti i giorni!

Quanto gusto in un solo menù? Approfitta dell'offerta e goditi queste pietanze ricche di tutti i profumi del mare! Il Ciro&Ciro, ti propone un imperdibile menù di pesce completo per 2 persone: antipasto, primo, secondo e contorno a scelta, 1 calice...